Dna Guerriero, Verona deve alzare bandiera bianca C Gold, l'Unione è più forte degli infortuni

da | Dic 24, 2018 | Home, Squadra Senior Maschile, Unione Basket Padova | 0 commenti

Nell’ultima partita dell’anno solare, il Guerriero regala a se stesso e ai propri tifosi la vittoria che serviva per lasciarsi alla spalle una serie negativa di tre ko consecutivi, regolando la Cestistica Verona. Nonostante gli infortuni continuino ad attanagliare l’Unione, gli Under 18 del Petrarca hanno messo in campo un’altra prova di sostanza e carattere, sospinti dalla doppia doppia di un super Scattolin (15 punti e 14 rimbalzi). Con Andreaus e Chinellato in borghese, restava fermo ai box un po’ a sorpresa Seck (ginocchio), ma anche l’Under 16 Dia, bloccato da questioni regolamentari. Coach Augusti recuperava soltanto il figlio Alessandro, mentre in panchina si accomodavano per semplice onor di firma Gamberoni e Stavla, entrambi infortunati.

Partita a mille all’ora (8-0 al 3’), Padova incanalava subito una sfida che condurrà dall’inizio alla fine. Verona può di nuovo contare sul suo elemento di maggior spicco, Boscagin: è proprio l’ex capitano della Scaligera a sbloccare gli ospiti che entrano così in partita (8-7). Il Guerriero, però, ripone grande intensità su ogni pallone trovando il primo allungo della serata già alla fine del primo quarto (18-10).

L’Unione è in ritmo e continua a macinare gioco doppiando per due volte i veronesi nel secondo parziale (30-15 al 15’ e 34-17 al 18’). Prima della pausa lunga, la tripla di Ragagnin è la classica ciliegina sulla torta a un primo tempo di pregevole fattura da parte dei padroni di casa (40-19).

Quando riprendono le ostilità, la “Cesta” piazza la zona nel tentativo di rallentare l’attacco padovano (40-24). Ma una volta prese le contromisure, l’Ubp riprende in mano la gara toccando il +23 del massimo vantaggio per due volte con il tiro e la schiacciata di Borsetto (49-26 e 51-28). Lo stesso Borsetto e Bovo hanno però già quattro falli a carico e dall’altra parte gli uomini di coach Bianchi sfruttano qualche rimbalzo offensivo e i viaggi in lunetta per riavvicinarsi (53-37).

L’ultima frazione si apre con un parziale firmato da Boscagin (53-42), che fa vacillare i tifosi del Pala Savio. Il Guerriero è ormai in rottura prolungata, ma ci pensa Scattolin a interrompere l’impasse (55-42). Verona prova ancora a rifarsi sotto con Soave (55-44 al 35’). Tuttavia, la stanchezza inizia a farsi sentire su ambo i lati del campo, mentre il cronometro scorre veloce diventando amico dei locali, che chiudono la porta in faccia alla rimonta avversaria (62-47).

Padova trascorre quindi un Natale sereno, nell’ottica di sfruttare la sosta di campionato per svuotare l’infermeria. Al rientro dalla festività natalizie, i “guerrieri” saranno impegnati con altre due trasferte molto difficili: sabato 12 gennaio, ore 20.30, al Pala Mare di Caorle e domenica 20 gennaio, ore 18, a Trivignano nel fortino della capolista Mestre

 

GUERRIERO PADOVA – EUROPE ENERGY VERONA 62-47

UNIONE BASKET PADOVA: Augusti A. 8, Bovo 7, Scattolin 15, Contin 7, Borsetto 13, Di Falco 5, Stavla n.e., Gamberoni n.e., Bruzzese Del Pozzo 4, Ragagnin 3. All. Augusti C. Ass. Garon.

CESTISTICA VERONA: Gabaldo, Pacione 5, Croce, Fabbian 4, Zenegaglia 8, Boscagin 18, Ruffo 2, Soave 7, Elio 3, Filipozzi. All. Bianchi. Ass. Dalla Vecchia.  

Arbitri: Colinucci di Falcade (Bl) e Pinna di Salgareda (Tv).

Note: parziali: 18-10, 22-9 (40-19), 13-18 (53-37), 9-10 (62-47). Tiri liberi: Padova 14/17, Verona 15/20. Tiri da due: Padova 18/47, Verona 10/41. Tiri da tre: Padova 4/21, Verona 4/29. Rimbalzi: Padova 48 (38+10, Scattolin 14), Verona 55 (36+19, Fabbian 9). Punti da contropiede: Padova 9, Verona 0. Usciti per 5 falli: Bovo e Zenegaglia.

(foto Eleonora Pavan)

Unione Basket Padova su Facebook

Gruppo Unione Basket Padova