Big match al Pala Savio, Guerriero-Murano è scontro al vertice Coach Calgaro: «Non siamo lassù per caso e vogliamo rimanerci a lungo»

da | Dic 21, 2019 | Home, Squadra Senior Maschile, Unione Basket Padova | 0 commenti

L’ultima gara dell’anno solare contrappone il Guerriero Padova alla Virtus Murano in uno scontro diretto che promette di regalare forti emozioni prima della pausa natalizia. Stasera, ore 18, il Pala Savio è l’arena del duello tra la prima e la seconda forza del campionato di C Gold. Una sfida dal pronostico molto aperto, che tradisce il profumo dei playoff. Murano è rimasto in testa alla classifica per quasi tutto il girone d’andata prima di perdere imbattibilità interna e primato nel match di domenica scorsa contro l’Oxygen Bassano (70-82), coinciso peraltro con la seconda sconfitta consecutiva dopo il ko di Trieste (65-54). A Mortise arriverà quindi una squadra desiderosa di riscatto, che punta a riconquistare la vetta del campionato. Nell’altro match clou della penultima giornata d’andata, sempre in programma oggi, alle 18, si incroceranno l’altra capolista Oderzo e Bassano che occupa la seconda posizione in condominio proprio con Murano.

L’AVVERSARIA. La formazione di Andrea Ferraboschi non potrà contare sul capocannoniere della C Gold, ovvero l’esperto bosniaco Zeljko Palavra che prima di fratturarsi un polso contro Bassano stava viaggiando a 21.5 punti di media grazie anche a due picchi da 38 e 35 punti. L’altro straniero, portato in dote dal mercato di settembre, risponde al nome del croato Armin Mazic (in possesso di passaporto italiano), che forma con lo stesso Palavra una coppia di esterni prolifica, oltreché molto alta e possente. Le chiavi della regia spettano a Ludovico Chiorri, mentre nel pitturato si muove lo sloveno Blaz Cresnar con le sue lunghissime leve.

I PRECEDENTI. La scorsa stagione, le due formazioni si scontrarono per la prima volta nella loro storia spartendosi il bottino: 94-85 all’andata per i padovani, 96-63 al ritorno per i lagunari. Esiste però un altro confronto storico da ricordare poco prima della nascita del gruppo UBP. Nel 2015, l’allora 3P CRM conquistò la promozione in C Regionale (divenuta l’annata seguente C Silver) battendo nella finale playoff di Serie D proprio Murano. Sulla panchina della Pro Pace sedeva all’epoca Giuliano Calgaro, ora coach del Guerriero.

QUI UNIONE. Settimana con allenamenti in parte a ranghi ridotti per l’Unione alle prese con qualche assenza, ma impegno e concentrazione da parte del collettivo restano altissimi, specie dopo il nono successo stagionale centrato a Codroipo. «Abbiamo disputato una gara diligente in cui tutta la squadra ha offerto il proprio apporto fornendo una prova corale», commenta Calgaro, «Mi fa piacere che deteniamo il miglior attacco e la miglior difesa, segno che abbiamo trovato un equilibrio. Non siamo lassù per caso e vogliamo restarci il più a lungo possibile. La classifica è bella, ma siamo tutti consapevoli che perdendo 2-3 partite consecutive si fa presto a scendere. Dobbiamo avere forti motivazioni contro Murano, sapendo che in casa bisogna fare punti a tutti i costi. Questa è una partita crocevia che potrebbe darci qualche certezza in più per il futuro. Un’opportunità da cogliere a patto che entriamo in campo duri e con la voglia di vincere».

(foto Eleonora Pavan)

Unione Basket Padova su Facebook

Gruppo Unione Basket Padova