Ultima del 2018, il Guerriero riceve Verona al Pala Savio C Gold, senza Andreaus e Chinellato spazio ancora agli Under 18

da | Dic 21, 2018 | Home, Squadra Senior Maschile, Unione Basket Padova | 0 commenti

Ultima partita dell’anno solare per il Guerriero: dopo le due trasferte consecutive, l’Unione Padova chiude il 2018 giocando la penultima giornata d’andata del campionato di C Gold davanti ai propri tifosi. Domenica, ore 18, arriva la Cestistica Verona al Pala Savio, e i ragazzi di Christian Augusti puntano a riprendere la marcia interrotta tre settimane fa nel duro scontro casalingo contro la vice-capolista Corno di Rosazzo. Anche stavolta il Guerriero è alle prese con gli infortuni e dovrà rinunciare ai suoi big, ma la determinazione dei giovani, messa in campo a Trieste, lascia sperare in un’altra prestazione all’altezza.

L’AVVERSARIA. Il discorso fatto per l’Ubp vale in parte anche per la “Cesta”. La squadra di Dacio Bianchi è stata infatti costretta a fare a meno dei due uomini chiave del proprio quintetto: il play-guardia Elia Crestani (ex Petrarca) e l’ala Giorgio Boscagin, rinforzo extralusso dell’ultimo mercato estivo. Nonostante le due assenze eccellenti, Verona ha messo a segno il colpaccio contro la corazzata Oderzo (84-72), arrestando una serie negativa che perdurava da tre turni. Un successo, frutto del gruppo che ha visto protagonisti Bovo (21), Soave (21), Zenegaglia (15), Fabbian (13) e Pacione (11) e ha rilanciato le ambizioni della formazione scaligera, riportandola a ridosso della zona playoff.  

QUI UNIONE. La sensazione di aver raccolto molto meno di quanto meritavano non deve distogliere i “guerrieri” dall’obiettivo. Rispetto alla scorsa settimana, coach Augusti dovrebbe recuperare il figlio Alessandro, Bruzzese, bloccato da un piccolo infortunio nei giorni scorsi, e probabilmente anche Seck. «Mi aspetto l’ennesima partita difficilissima», analizza il tecnico dell’Ubp, «Non sappiamo se scenderanno in campo Boscagin e Crestani, ma anche senza di loro la Cestistica Verona ha giocatori esperti in tutti i reparti. Il settore lunghi è coperto dai veterani Fabbian, Soave e Zenegaglia e anche la batteria di esterni è ben fornita con Pacione e Croce. Nonostante il cambio di allenatore, il suo gruppo di giocatori è consolidato e gioca insieme ormai da tempo. Speriamo di impostare la gara sui nostri ritmi e di non avvertire il peso di un organico incompleto. Non tutto è così negativo in questo momento reso difficile dagli infortuni. Abbiamo infatti la soddisfazione di vedere all’opera i nostri giovani che hanno voglia di dimostrare tutto il loro valore».

(foto Rocco Antonio D’Argento)

Unione Basket Padova su Facebook

Gruppo Unione Basket Padova